Attenzione all’ambiente e alle persone: Orogel al Macfrut 2013

Orogel Fresco protagonista a Macfrut 2013

Alla rassegna internazionale dell'ortofrutta, che si è svolta a Cesena Fiera dal 25 al 27 settembre, Orogel ha lasciato il pubblico senza parole con uno stand fortemente votato alla politica 'verde', che il gruppo da sempre persegue. Orogel Fresco per l'occasione ha presentato le novità che riguardano gli imballaggi dei prodotti.

Un arredo confezionato con cartone intagliato, gustose centrifughe a base di frutta e verdura freschissime e tanti cestini colorati allestiti con ogni sorta di prodotto agricolo. Dal ministro all'Agricoltura Nunzia De Girolamo alla delegazione del governo senegalese, dalle prime firme del giornalismo di settore ai partner e ai fornitori: tutti sono rimasti a bocca aperta di fronte al nuovo stand Orogel, che ha voluto sottolineare ancora una volta con la sua presenza al Macfrut la propria propensione per il rispetto dell'ambiente e per la sostenibilità.

Da oggi allo sforzo nella coltivazione rispettosa dell'ambiente si aggiungono alcune importanti novità, presentate in esclusiva al Macfrut di Cesena. A partire dalla composizione degli imballaggi: mentre in precedenza venivano utilizzati esclusivamente legno e cartone, oggi si integrano imballaggi CPR, IFCO, STECO ed EPS, che consentono di dare il via a una catena virtuosa di riutilizzo, rispondendo a pieno alle esigenze della moderna distribuzione. Inoltre, alcune modifiche mirate al sistema di imballaggio dei singoli prodotti consentono di rendere ogni confezione riciclabile. Questo nuovo sistema, già attuato per la linea 'premium' di alcuni prodotti tra cui le pesche nettarine e i kiwi, implica la sostituzione del vecchio cestino in polietilene con un tipo di cartone totalmente biodegradabile.

Sono stati tre giorni di incontri, di scambi di esperienze, di degustazioni, che hanno lasciato soddisfatto tutto lo staff Orogel. Il numero di visitatori della fiera ortofrutticola è aumentato, nonostante siano tempi difficili per il comparto. Lo ha sottolineato il ministro De Girolamo, che ha promesso ai professionisti del settore di fare sentire la propria voce in Europa per sostenere l'agricoltura italiana e di incentivare la collaborazione e il dialogo fra i 3 'mondi', quello agricolo, quello della trasformazione e quello del trasporto.

Usiamo cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione. Il proseguimento della navigazione sarà inteso come accettazione del loro uso. Per saperne di più leggi la pagina dedicata alla Normativa sulla Privacy.